infissi e pulizia

Infissi in alluminio e pulizia: 3 metodi veloci

in Estetica e Design/Manutenzione

La pulizia degli infissi in alluminio è un’attività importante per la corretta manutenzione dei serramenti in alluminio, che aiuta a garantirne lunga vita e mantenimento delle qualità estetiche. Gli infissi in alluminio, nonostante non tendano ad ossidarsi facilmente, possono sporcarsi a causa degli agenti esterni e della polvere che si forma anche all’interno di casa. È quindi essenziale pulirli con regolarità e nel modo giusto per evitare che, con il passare del tempo, tendano a diventare opachi.

La pulizia dipende molto dal luogo in cui si vive: ad esempio se c’è molto smog oppure se si abita vicino al mare: in questo caso gli infissi possono essere attaccati dalla salsedine.

Vediamo allora come pulire gli infissi in alluminio in modo efficace con semplici rimedi naturali adatti per una pulizia delicata ma profonda.

Come pulire gli infissi e quante volte l’anno?

Iniziamo a individuare cosa non si deve assolutamente usare: utensili affilati, appuntiti, spugne abrasive e prodotti chimici aggressivi, come i solventi e/o alcool. Tutti questi utensili e prodotti oltre a rovinare le finiture del telaio e la verniciatura, possono intaccare anche le guarnizioni.

Dunque, cosa serve?

Principalmente è sufficiente un panno morbido per togliere polvere, però esistono 3 rimedi naturali che vengono spesso in nostro aiuto.

  1. Un panno soffice inumidito con acqua tiepida ci permette di eliminare velocemente polvere e sporco. Si passa il panno su tutto il telaio, comprese fessure e canali di drenaggio; nel caso in cui ci siano zone difficili da raggiungere ci si può aiutare con uno spazzolino. In caso di residui di polvere si può usare uno stuzzicadenti per liberare le fessure.
  2. Aceto, Sapone di Marsiglia neutro (con un PH intorno a 7) e bicarbonato, per una pulizia più profonda. Sciogliere un cucchiaio di sapone di Marsiglia in un litro di acqua e passare sulla superficie con un panno in microfibra. Il sapone si può sostituire anche con del bicarbonato. Un altro metodo è quello di aggiungere a un litro di acqua mezza tazza di aceto e un misurino di sapone liquido per piatti.
  3. Olio di semi di lino e cenere, per lucidare gli infissi. Una miscela di due cucchiai di cenere da unire all’olio di semi di lino, crea una crema da usare sugli infissi con un panno asciutto.

Per asciugare gli infissi, così come per i vetri, basterà utilizzare la carta dei quotidiani.

La pulizia degli infissi è un’operazione abbastanza semplice che andrà effettuata almeno ogni 3 mesi, soprattutto nelle città esposte allo smog.

Torna Su